lunedì 13 aprile 2015

Stimi abbastanza tu@ figli@? Allora pensa che quando la maestra ti dice...

Le maestre e/o i maestri ti hanno suggerito che tu@ figli@ dovrebbe fare un controllo perché sospettano problemi di DSA (Disturbi Specifici Apprendimento)?
Ci sono due profonde discordanti correnti di pensiero tra gli psichiatri su questo argomento: i più, (che seguono le direttive di una società proiettata alla medicalizzazione dell’infanzia, per il business e gli interessi personali di medici e logopedisti), fanno diagnosi di DSA basandosi su banali e superficiali statistiche, ovvero prendono a campione un certo numero di bambini della stessa età, gli sottopongono un compito specifico (lettura, scrittura, calcolo ecc) e poi attraverso un punteggio, fanno una classifica tra chi rientra nella norma e chi no. Se quello specifico bambino non raggiunge il punteggio medio stilato sulla maggioranza, ha un disturbo dell’apprendimento. Ma questi dati non tengono in considerazione la realtà psichica e affettiva del bambino, la sua storia personale, la sua realtà culturale, il rapporto con l’insegnante (che ancora si pensa sia infallibile e sempre dalla parte del giusto, contro la presunta fallibilità del bambino e la sua potenziale difficoltà cognitiva). A me piace capovolgere il problema: e se a fallire fossero gli insegnanti e non i bambini, che sono solo le vittime? Se fossero alcuni docenti, inadatti alla formazione dei bambini?
Dall’altra parte troviamo medici psichiatri che hanno il vero interesse per la cura e la ricerca e non per la mercificazione dei farmaci o per altri tipi di medicalizzazione (a scapito della salute psichica e cognitiva dei più piccoli). Questi sostengono che i problemi scolastici dei bambini derivano dalla sottovalutazione di componenti affettive e realtà psichiche “sanabili” con un corretto metodo relazionale, didattico e formativo.
Come pedagogista, esperta dei processi formativi, didattici e della crescita dell’uomo da ogni suo punto di vista (realtà psichica e affettiva, storia personale, realtà culturale, rapporto con l’insegnante ecc.); come docente che non si limita al solo nozionismo (come purtroppo sono educati a fare la maggior parte degli insegnanti), ho potuto constatare che lavorando con un approccio corretto (didattico-affettivo-psicologico-formativo), questi bambini cambiano il loro rapporto con la scuola e con lo studio. Devo pertanto dare ampiamente ragione alla seconda tipologia di medici psichiatri (che sono sfortunatamente la netta minoranza), e sostenerli nella ricerca-sperimentazione che sono entrambe la base del mio lavoro giornaliero. 
Mamma e papà che mi stai leggendo, dimostra a te stess@ e agli insegnanti, che tu@ figli@ non ha alcun problema cognitivo, né relativo ai DSA. Fai qualcosa di concreto per lei/lui. Aiutal@ a crescere credendo in se stess@ e nelle proprie capacità, permettigli di innalzare la sua autostima, non l@ sottoporre a inutili e stressanti test per valutazioni banalmente statistiche e che riducono la sua vitalità, creatività, rendendol@ triste e nervos@: quantomeno non lo fare come primo approccio, dai a te stess@ e a tu@ figli@ una possibilità in più prima di essere etichettat@.
Se il/la tu@ bambin@ ha difficoltà nella lingua italiana parlata, letta e scritta, rivolgetevi a una/un pedagogista come la scrivente, resterai felicemente sorpres@ di quanto saprà trasformare le sue capacità in apprendimento. 
Per le difficoltà di calcolo suggerisco di trovare una/un pedagogista esperta/o nelle materie scientifiche/matematiche: l’ANPE (Associazione Nazionale Pedagogisti) ha un elenco di esperti nel settore suddiviso per regione. 
È fondamentale che l'esperta/o pedagogista conosca approfonditamente la materia impartita. Diffidate da chi vi dice di saper insegnare tutto. 

Dr.ssa Tiziana Cristofari

©Tutti i diritti riservati
Per informazioni su consulenze pedagogiche e/o lezioni ai bambini/adolescenti visitare il sito www.pedagogista.info


La maestra a casa 
DVD sulla storia dell'uomo dalla nascita del mondo alla caduta dell'Impero Romano d'Occidente. 
Tutto il programma di STORIA della scuola primaria raccontato dalla maestra Tiziana con migliaia di immagini.

Per saperne di più su i DVD clicca qui 


Gli articoli di questo blog sono un lavoro da me prodotto gratuitamente, di supporto a famiglie e insegnanti che vogliono conoscere il mio punto di vista e pertanto pubblicizzano tutti le mie opere.
Lavoro per vivere e non sono finanziata da strutture pubbliche.
Invito quei pochi pertanto, a non commentare in maniera dispregiativa quanto produco e pubblicizzo sotto i miei articoli in modo serio e competente. 
Grazie

Nessun commento:

Posta un commento

Dato l'alto numero di messaggi che arrivano e non riuscendo a visualizzarli tutti, per domande personali si prega fare riferimento all'indirizzo mail che potete trovare sul sito www.pedagogista.info