martedì 29 aprile 2014

Un modo alternativo per superare i propri limiti

Sono in viaggio per Castelnuovo Bormida in provincia di Alessandria, parteciperò a un corso di sopravvivenza: spero di essere poi tra i sopravvissuti!
Il coso fa parte del programma di un master. Un altro master che ho deciso di seguire per la mia formazione continua, perché una docente deve continuamente aggiornarsi. Vi chiederete… e cosa c’entra un corso di sopravvivenza con la formazione?

Bella domanda.
Uno psichiatra eccezionale il dottor Lalli, che adesso non c’è più purtroppo, diceva che un uomo psichicamente sano si modifica continuamente. Ossia sosteneva che una persona mentalmente sana dovesse modificare se stessa continuamente: cambiare è sinonimo di benessere psichico. Fare cose nuove fa parte di questa trasformazione continua.
Sicuramente un corso di sopravvivenza è un’esperienza forte soprattutto per chi, come me, non ha mai fatto nemmeno campeggio. È un corso che ti mette alla prova, che ti sottopone a stress non facili e che ti aiuta a trasformarti in una persona più forte e più consapevole. Un corso che scommette sulla tua resistenza, la tua forza all’adattamento, alla fatica: dormiremo all’aperto (e già si può vedere che il tempo non ci verrà incontro), faremo un percorso specifico sull’autodifesa, accenderemo fuochi con l’acciarino, bolliremo l’acqua per poterla bere e mangeremo solo una scatoletta di tonno e una di legumi sia a pranzo che a cena (per avere un minimo di energia e poterci continuare ad allenare), naturalmente proveremo anche a pescare, ma solo con un amo; tutto questo per 4 notti e 5 giorni: sarà veramente una bella sfida.
Inoltre penso che sia un ottimo modo per sconfiggere le paure: quelle degli insetti, del buio, del dormire all’aperto, del doversi adattare per le esigenze personali, del non avere cibo, del non avere acqua e dello scoprire come procurarseli, un po’ come facevano gli antichi; un ritorno al passato, un assaggio di antichità, un bagaglio da raccontare a scuola e condividere con gli studenti, un modo per conoscere i propri limiti, superarli e poi spronare studenti, genitori e insegnanti a superare i propri, non necessariamente quelli per un corso di sopravvivenza, naturalmente! Parlo di limiti relativi ai rapporti tra le persone, alle fatiche dello studio o di essere genitori, agli stress professionali dei docenti; ci sono tantissimi limiti da superare e sicuramente se io non fossi a conoscenza dei miei di limiti, anzi, se io i miei non li avessi superati, sarebbe difficile per me poter aiutare gli altri.

RICORDA: cambiare, fare cose nuove è la prerogativa dell’uomo psichicamente sano.

Dr. Tiziana Cristofari

Nessun commento:

Posta un commento

Dato l'alto numero di messaggi che arrivano e non riuscendo a visualizzarli tutti, per domande personali si prega fare riferimento all'indirizzo mail che potete trovare sul sito www.pedagogista.info