giovedì 23 aprile 2015

Ecco come insegnare a tu@ figli@ ad amare la lettura

Pensate forse che per amare la lettura basti questo?
No, credetemi, non è sufficiente!


Molti genitori mi chiedono perché ho creato dei DVD sulla storia dell’uomo per le classi primarie, dato che io stessa ritengo fondamentale la lettura. Considerato che i DVD sono per l’ascolto e la visione delle immagini, secondo molti genitori e anche molti insegnanti, toglierei un’opportunità ai bambini per esercitarsi a leggere.
È pur vero che la storia, così come è presentata e proposta nei libri di testo non aiuta certo ad avvicinarsi alla lettura, anzi è terribilmente noiosa! E sicuramente il libro di storia delle scuole primarie non è in cima ai desideri di lettura dei nostri piccoli studenti. Ma la storia è una delle materie fondamentali per eccellenza; ci serve per conoscere il passato e il presente dell’uomo; per capire il pensiero degli altri; per sapere come si sono evolute le civiltà, la tecnologia, le scienze. La storia ci serve per imparare ad essere cittadini democratici, imparare ad avere un pensiero, a saperlo costruire; ci aiuta a capire come trasformare il futuro in qualcosa di migliore, senza commettere gli errori del passato, e a costruire il futuro dei nostri figli in qualcosa di importante per l’umanità. E pertanto dobbiamo far sì che i piccoli studenti e le piccole studentesse si appassionino a questa fantastica materia; dobbiamo far sì che diventino curiosi, sempre più curiosi… E come possiamo fare tutto ciò, se i nostri figli e figlie non amano la lettura e se i testi scolastici fanno di tutto per rendersi odiosi e demotivarli ancora di più?
Bisogna trovare una soluzione per incentivare i bambini e le bambine a incuriosirsi della storia e trovare il modo affinché si appassionino alla lettura: questi modi penso di conoscerli entrambi ed entrambi portano ad ottimi risultati.
Partiamo dall’inizio, dal principio della vita delle piccole bimbe e bimbi e cerchiamo di capire come avvicinarli alla lettura e alla storia. 
Insieme ai tanti giocattoli che fin dai primi mesi di vita regaliamo ai nostri figli, verso i sei mesi, quando la bimba o il bimbo è capace di stare seduto dobbiamo pensare di acquistare quei grossi libri cartonati e coloratissimi, impossibili da rompere, e metterli nelle mani dei piccoli pulcini.
Loro devono poterli toccare, sbavare, annusare e poi insieme a mamma e papà sfogliare e “guardare” (anche se la loro vista ancora non è completa, vedranno al 100% solo verso 2 anni). Sarebbe bellissimo e importantissimo che poi, mamma e papà, li leggano pure, tenendo il piccolo/a in braccio e, davanti a lui/lei, il coloratissimo libro.
Quindi il libro deve iniziare a riempire gli scaffali (solitamente pieni di giocattoli), e deve diventare uno strumento usato e preso spesso quanto un altro giocattolo.
Vi accorgerete che quando la piccola/o sarà capace di stare seduta o in piedi da sola, e di tenere in mano il libro, vi stupirà di quante volte lo andrà a cercare, raccontando a se stessa, mentre lo sfoglia, una storia da lei inventata, ma che ripropone la stessa scena già vissuta con mamma e papà.
Nel tempo, mamma e papà, ma anche i nonni o gli zii, continueranno a regalare i libri adatti ai più piccini e continueranno a leggerglieli. Il libro dovrà essere così familiare da tenerlo in mano esattamente come fanno spontaneamente con gli orsacchiotti di peluche: ma badate bene, la spontaneità nel tenere i peluche in mano è data solo, e sottolineo solo, dal fatto che quello è l’oggetto che più di altri gli si regala e con cui lo si fa giocare.
Altro movimento fondamentale e successivo per avvicinare i piccoli e le piccole ai libri è quello di portarli a sceglierli: biblioteche, librerie: oggi tutti hanno l’angolo per i più piccoli.
Devono essere lasciati liberi di prenderli, aprirli, sfogliarli a seconda dei loro interessi, anche se ancora non sono capaci di leggere e che bisognerà fare con più frequenza e più libertà quando avranno imparato a farlo. A questo punto i libri acquistati dovranno essere scelti dal lettore. Li porterete in queste librerie, li lascerete davanti agli scaffali pieni di ogni genere di libro, accoglierete la loro richiesta di vederli insieme a voi, e gli consentirete l’acquisto di qualunque genere di libro la bambina o il bambino si appassionerà. Se non avete intenzione di acquistarli, comunque, li porterete in biblioteca e farete in modo che la scelta sia assolutamente personale. La lettura deve essere libera espressione del lettore e per farlo il lettore deve poter avvicinarsi e godere delle sue letture preferite, non di quelle imposte dagli adulti! 
Ogni libro è quello giusto: romanzi, gialli, fumetti, favole, fiabe, manualistica, orrore, fantascienza, saggistica ecc.
E questo dovrebbe valere anche per la scuola. È dannoso assegnare a tutta la classe lo stesso libro, ogni bambino (e poi ragazzo) deve poter scegliere il proprio, senza imposizione. Deve poi avere il “suo” spazio per leggerlo: sedia, divano, letto, sdraiato per terra, seduto alla scrivania, ognuno ha il suo modo e la sua posizione per entrare nel mondo dei libri. Nulla deve essere imposto, né impostato.

Ecco perché i DVD di storia. 
La storia, come la geografia (di cui sto creando i prossimi DVD) non possono essere considerate materie per esercitarsi alla lettura. I DVD servono per trovare lo stimolo giusto che possa incuriosirli e che, eventualmente, gli permetterà di approfondire sul libro. La conoscenza delle materie non deve necessariamente partire dall'esercizio della lettura. Quante volte vi siete appassionati a qualcosa che vi è stato raccontato, o avete visto in TV o sentito alla radio e vi ha stimolato a saperne di più cercando l’argomento su un libro? Anche questa è conoscenza.
Non dobbiamo fare l’errore di pensare che il piacere alla lettura si acquisisce studiando storia e geografia o scienze, anzi il più delle volte è proprio ciò che fa perdere lo stimolo alla lettura, perché lo studio della materia senza lo stimolo, diventa una lettura noiosa.
Allora per far appassionare i piccoli e le piccole alla lettura, spazio alla libera e personale scelta dei testi; e per farli incuriosire sul nostro passato perché no, ci sono i DVD La maestra a casa. E ci sono anche per chi non è d’accordo e diffida: provare per credere!

Dr.ssa Tiziana Cristofari

PS: dimenticavo di informarvi che si può imparare ad amare la lettura per scelta anche se il bambino/a è già scolarizzato: stessa dinamica, stessa libertà, stesso amore!

©Tutti i diritti riservati

Ha aperto a Roma la SCUOLA PER L'INFANZIA dell'ASSOCIAZIONE DI.SCO., con la pedagogista e docente Dr.ssa Tiziana Cristofari. Per saperne di più clicca qui

Per tutti i Bambini che vogliono un'alternativa allo studio della storia nelle scuole primarie, c'è

DVD sulla storia dell'uomo dalla nascita del mondo alla caduta dell'Impero Romano d'Occidente. 
Tutto il programma di STORIA della scuola primaria raccontato dalla maestra Tiziana con migliaia di immagini.
Per saperne di più su i DVD clicca qui 


Gli articoli di questo blog sono un lavoro da me prodotto gratuitamente, di supporto a famiglie e insegnanti che vogliono conoscere il mio punto di vista e pertanto pubblicizzano tutti le mie opere.
Lavoro per vivere e non sono finanziata da strutture pubbliche.
Grazie


Nessun commento:

Posta un commento

Dato l'alto numero di messaggi che arrivano e non riuscendo a visualizzarli tutti, per domande personali si prega fare riferimento all'indirizzo mail che potete trovare sul sito www.pedagogista.info