lunedì 7 aprile 2014

Verifica, competizione e invidia: l'odio che cresce a scuola.

Rimaneva tanto tempo tra i suoi pensieri. Assorta davanti al foglio vuoto prima di iniziare a macchiarlo di lettere nere che avrebbero formato le parole del suo tema. Rimaneva così tra i pensieri di chissà quale immagine…
Sembrava non sapere. Guardandola, e vedendo il tempo scorrere, mi metteva ansia, come se non sapesse iniziare, come se non sapesse scrivere, come se non volesse partecipare alla verifica. Sì, la verifica, quella sorta di componimento scritto più o meno lungo e più o meno difficile, più o meno interessante. Tocca a tutti la verifica in Italia. Il nostro paese è un paese di verifiche e controlli. Di punteggi fatti da vittorie e sconfitte. E anche loro, i nostri bambini cominciano fin da subito a essere tra coloro che vedranno una vittoria o una sconfitta. “Non le dirò che può fallire, le dirò che ce la farà, perché io sono scura che ce la farà” mi disse una madre. E così fu.
Una madre sa come incoraggiare i propri figli in questo mondo di verifiche, dove tutti sono un numero positivo o negativo. Anche da molto piccoli. Imparano subito i nostri figli a sentirsi vincenti o perdenti. Ma il più delle volte non è la giusta vittoria o la giusta sconfitta di una verifica a definirli. 
Qui in Italia (e forse non solo qui), ci hanno abituati a competere e a fare verifiche. Ci hanno detto che la verifica ci fa migliori o peggiori degli altri. E quando i nostri figli vanno a scuola si sentono migliori solo se prendono un voto più altro degli altri. Si guardano in cagnesco, si sfidano, arrivano a odiarsi e poi però si sentono poco realizzati quando vincono. Perché? Perché la vittoria da soli dà poca soddisfazione, non può essere condivisa se non in privato con mamma e papà, e serve solo per ampliare il sentimento di rivalsa dei loro genitori su quelli degli altri; ma quando i ragazzi o i bambini sono soli tra loro, non possono festeggiare, possono solo rivaleggiare cantando vittoria sulla sconfitta di qualcun altro.


La vera vittoria è una classe che vince, non uno studente che arriva primo. La vera vittoria è la trasformazione di ognuno di loro in un team vincente, in una squadra, non nell’individuo solitario che arriva primo. La vera vittoria è la classe che, tutta insieme, va avanti e si ritrova l’anno dopo, e rafforza l’amicizia, la capacità di essere in rapporto con gli altri, la solidarietà; è una classe pronta a sfidare un’altra conquista della crescita, tutti insieme, uniti, vincenti.
Ma esiste l’invidia e la competizione. I genitori sono invidiosi e competitivi e fanno dei loro figli degli invidiosi e dei competitivi pronti a odiare, tradire e vendicarsi. Vogliono figli migliori, sempre migliori, e non si accorgono di volere se stessi. Costringono i propri figli a essere la loro immagine.  Vogliono che i propri figli diventino quello che loro per vigliaccheria non sono riusciti a essere tentando di far diventare i propri figli ciò che non sono e che il più delle volte non vogliono assolutamente essere.
Eccovi, vi sento, lo so, siete in collera con me perché dico la verità. Ma è così: i figli non nascono invidiosi e competitivi, ci diventano perché qualcuno ha instillato in loro questi disvalori. E vi posso garantire che poi soffrono, perché la natura dell’uomo è la collaborazione, la solidarietà, l’umanità. La natura dell’uomo è essere affettivi nei confronti del prossimo.
RICORDA: un figlio meraviglioso è un figlio che non soffre per invidia e competizione.

Dr. Tiziana Cristofari


Nessun commento:

Posta un commento

Dato l'alto numero di messaggi che arrivano e non riuscendo a visualizzarli tutti, per domande personali si prega fare riferimento all'indirizzo mail che potete trovare sul sito www.pedagogista.info